Orari Messe

Giorni feriali: 8.30
       eccetto giovedì 18.30

Prefestiva: 18.00

Domenica: 9.30, 11.00

 

 "..che la locanda della nostra vita e della nostra comunità sappia rinnovarsi, nell'accoglienza.." LOCANDE

Gli altri racconti...

... MicaMerlino, Rosa e GrespinoLa giostraIl ponteScrivo a voi

17 novembre 2021
“Ora puoi lasciare, o Signore, che il tuo servo vada in pace, secondo la tua parola” (Luca 2,299)

 Dalla celebrazione della Messa funebre 

Siamo qui per celebrare l’amore di Dio che scende abbondante sulle sue creature. […] Siamo qui per celebrare l’amore accolto da don Nildo e condiviso da lui nella forma del servizio pastorale alla chiesa, alla comunità dei discepoli del suo signore Gesù. Celebriamo e salutiamo don Nildo

Introduzione di Don Maurizio e commiato della parrocchia della Beverara

Registrazione del funerale sul sito della chiesa di Bologna.

Galleria di immagini del funerale


Breve video con un ricordo di  

 
LIBRETTO DEI CANTI

Anno: 2017-18


"Una rete che accoglie"

GRAZIE al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna (Carisbo)

Progetto che si pone in continuità con il precedente, “Educare creando rete territoriale”, con lo scopo di fare azioni in rete sia all’interno che all’esterno dello spazio dell’Oratorio.

Internamente le azioni sono rivolte a:

  • costruire e rinforzare la collaborazione con gli adulti di riferimento (coinvolgimento dei ragazzi nell’opera di servizio del caffè Alzheimer)
  • allargare l’offerta di attività per le ragazze e i ragazzi che frequentano la realtà dell'oratorio (es. ciclofficina, tornei sportivi, campo estivo per ragazzi/e italiani e di seconda generazione)
  • iniziare un percorso di formazione dei volontari che possa fornire loro altri strumenti per entrare in relazione con gli adolescenti e con le numerose famiglie straniere e non.

Esternamente, il progetto proseguirà il coordinamento con altre realtà territoriali che si rivolgono ai ragazzi e alle loro famiglie, nell’ottica di collaborare per creare una continuità di intenti e approcci.

L’obiettivo generale del progetto è quindi quello di rinforzare il senso di comunità già presente in oratorio mediante azioni di integrazione che coinvolgano i numerosi volontari, i beneficiari e i ragazzi, nella convinzione che questo processo di cambiamento, per realizzarsi, ha bisogno del contributo di tutti.

 


"Bella!"

GRAZIE al contributo della Regione Emilia-Romagna

Progetto rivolto agli adolescenti, nell’ottica di intervento di contrasto al disagio, in una dimensione di prevenzione del disagio e dunque primariamente promozione del benessere. La pianificazione progettuale prevede delle fasi principali, all’interno delle quali si svilupperanno le diverse azioni quali:

  • coordinamento sul territorio con altre realtà rivolte ai ragazzi
  • attivazione del Laboratorio di Ciclofficina che vuole essere uno spazio nel quale poter sia incentivare lo “stare bene con gli altri”, ma anche essere l’occasione per promuovere competenze sociali e operative spendibili anche in altri contesti
  • laboratorio creativo-espressivo teatrale in collaborazione con la compagnia Cantieri Meticci che vuole, tramite il linguaggio del teatro, mettere in rilievo il valore dei diversi bagagli culturali dei partecipanti e creare occasioni di confronto e relazione tra pari
  • organizzazione evento finale “Bella!”: a conclusione dei percorsi laboratoriali sarà previsto un evento pubblico realizzato con la collaborazione e l’integrazione dei diversi attori del progetto.

 

Anno: 2016-17


"Educare creando rete territoriale"

GRAZIE al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna (Carisbo)

Progetto è finalizzato ad intervenire nella formazione di relazioni positive con e fra bambini, preadolescenti e adolescenti che vivono sul territorio, con modalità rinnovate mediante proposte ludiche, educative, laboratoriali.
L’Oratorio, da tempo attivo sul territorio con proposte educative offerte ai giovani, persegue l’intento di continuare ad essere un punto di riferimento per la comunità in una situazione sociale tanto complessa come quella di oggi.
Sul territorio esistono diverse realtà sociali in estrema difficoltà socio-economica, culturale e coesistono differenti religioni.
L'Oratorio accoglie la sfida di riscoprirsi comunità, anche creativa, capace di costruire nuovi strumenti e pratiche di dialogo, per continuare ad essere sé stesso, ma avendo il coraggio di cambiare.